Strategie di rete
per il Parco delle Gravine

Il muschio per rilevare l’inquinamento nel Parco “Terra delle Gravine”
dicembre 12, 2016 Angelo Saracino

Il muschio per rilevare l’inquinamento nel Parco “Terra delle Gravine”

muschio_nel_boscoTre anni di attività per valorizzare il Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine”, il più grande della Puglia che si estende sul territorio di 13 comuni della Provincia di Taranto, da Ginosa fino a San Marzano, passando anche da Martina Franca e Grottaglie, comprendendo anche il brindisino Villa Castelli.

È il progetto “UPPark”, sostenuto da Fondazione con il Sud nell’ambito del Bando Ambiente 2015, che vede all’opera un ampio partenariato, tredici organizzazioni e istituzioni, con capofila il WWF “Trulli e Gravine”.

Il Progetto “UPPark!” prevede, oltre all’esecuzione di diverse attività per valorizzare il Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine”, rendendolo pienamente fruibile ai cittadini, anche una serie di interventi per la prevenzione e la riduzione dei rischi ambientali nell’area del parco: il Progetto “UPPark”, infatti, intende anche preservare l’integrità dei questo straordinario ecosistema, un vero e proprio santuario della biodiversità, per le generazioni future.

Tra questi interventi è compresa la “’Azione A2: Valutazione Livello Rischio Inquinamento” che vede coinvolti il CNR – IAMC (Istituto Ambiente Marino Costiero) di Taranto e il WWF “Trulli e Gravine”; l’intervento prevede l’utilizzo di campioni di muschio Hypnum cupressiforme, dei quali in questi giorni gli operatori hanno completato la raccolta, per studiare il livello di contaminazione da inquinamento atmosferico.

Più in particolare, lo scopo principale dello studio proposto dal CNR IAMC di Taranto è quello di valutare, in una zona quale quella del Parco Terra delle Gravine, ad alto valore naturalistico, l’influenza delle aree industriali limitrofe mediante la valutazione delle ricadute al suolo per mezzo di “moss bags” (ricadute nell’arco di un anno).

Nelle fasi preliminari, è stata effettuata una attenta analisi del territorio a cui appartiene il Parco, al fine di individuare le possibili aree destinate alla raccolta dei campioni di muschio non contaminati da utilizzare come “bianco” e all’installazione dei moss bags per le attività di monitoraggio.

In seguito sono stati avviati i sopralluoghi tecnici, con il supporto del WWF Trulli e Gravine, durante i quali sono state valutate le specie di muschi più abbondanti (tra Hypnum cupressiforme e Pleurochaete squarrosa), le modalità di installazione dei moss bags e le modalità di impianto nei siti di campionamento scelti.

Sono stati prelevati dei tappetini di muschio Hypnum cupressiforme e trasportati in laboratorio in contenitori in HDPE. Il muschio sarà selezionato e preparato per poter essere sottoposto ad analisi finalizzata alla valutazione del livello di contaminazione.

Le fasi immediatamente successive consisteranno nella preparazione dei moss-bags e impianto nei siti di campionamento per avviare il monitoraggio dei contaminanti atmosferici.

La metodologia proposta, basata sull’alta capacità di accumulo di elementi metallici delle briofite, è stata introdotta da Goodman & Roberts (1971) e prevede l’esposizione di sacchetti di muschio (moss-bags), prelevato in zone considerate e accertate a bassa contaminazione e opportunamente trattato, per un periodo variabile da 4 a 9 settimane.

uppark-muschioLa specie utilizzata in questo studio sarà o l’Hypnum Cupressiforme; questo muschio è stato scelto per diversi motivi: è già stato utilizzato come organismo accumulatore in Italia (Cenci et al., 1994; Bargagli et al., 1994) e all’estero ed è quindi disponibile una vasta letteratura in merito; è molto comune in tutta l’area studiata ed è facile reperirlo sia nei boschi sia in zone abitate; ha una produttività annuale bassa, quindi in esso i metalli vengono concentrati, dato che devono distribuirsi in meno biomassa per unità di area (Cenci et al., 1998); in precedenti studi (Rasmussen e Johnsen, 1976) non ha dimostrato di assumere ioni metallici dal substrato; è piuttosto tollerante ai metalli pesanti (Tyler, 1989 e 1990) e forma densi tappeti che fungono da efficaci trappole per le particelle aerodisperse e per i metalli contenuti nelle acque piovane: è perciò adatto ad essere utilizzato come bioaccumulatore.

Il Progetto Uppark è partito ufficialmente nei giorni scorsi con il cosiddetto “kick off meeting”, una riunione pre-operativa per creare sinergie tra i partner e le loro azioni: nei prossimi tre anni, infatti, il progetto prevede l’esecuzione di una serie di attività finalizzate alla valorizzazione del Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine”, tra queste numerosi interventi per la prevenzione e la riduzione dei rischi ambientali all’interno dell’area del Parco.

In particolare il progetto, elaborato con il fine ultimo di dare una nuova vita alla zona, tra l’altro prevede il restauro conservativo di alcuni immobili dell’Oasi WWF Monte Sant’Elia, tra questi la Sala Comune e la vecchia stalla della antica masseria.

L’Oasi WWF Monte Sant’Elia, una delle sette Oasi WWF in Puglia e delle cento sul territorio nazionale, rientra infatti nel Parco “Terra delle Gravine” e nel SIC-ZPS Area delle Gravine caratterizzati dalla presenza di gravine, solchi carsici dall’inestimabile valore paesaggistico, ambientale, naturalistico, storico, archeologico e culturale; l’Oasi si estende per circa cento ettari in agro di Massafra comprendendo un bosco di leccio, macchia mediterranea, pascoli, seminativi e una masseria storica.

Da sei anni l’Associazione WWF Trulli e Gravine gestisce, a titolo gratuito, l’Oasi WWF Monte Sant’Elia, organizzando periodicamente numerose iniziative, come laboratori ed escursioni, volte alla conoscenza del patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed architettonico del territorio e alla sensibilizzazione dei cittadini verso le tematiche ambientali.

L’Associazione WWF Trulli e Gravine opera in Provincia di Taranto dal 1985 per la conoscenza, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturalistico e paesaggistico del territorio, distinguendosi per lo spirito di coinvolgimento della cittadinanza in attività di sensibilizzazione sulle tematiche ambientali e per la fattiva collaborazione volta ad orientare le amministrazioni pubbliche verso programmi, accordi e progetti per il raggiungimento delle finalità associative.

 

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla newsletter.

Clicca e iscriviti
Style Switcher
Colours
Headers

NOTE: Vertical headers will not work on pages that have the naked header enabled